Centralina aggiuntiva o rimappatura?
03/08/2020

Centralina aggiuntiva o rimappatura?

La domanda che molti appassionati di tuning si chiedono è se sia meglio la rimappatura della centralina, oppure optare per una centralina aggiuntiva. Per fare una scelta ben ponderata, è bene comprendere le differenze di entrambi i prodotti.

Rimappatura della centralina

La rimappatura è quell'operazione che comporta una riscrittura completa di tutti i parametri che compongono il software di gestione del motore. Modificando opportunamente i dati scritti nella memoria interna della ECU (Engine Control Unit, la centralina), è possibile ottenere reali migliorie alle prestazioni del motore - diesel o benzina - migliorandone inoltre l'efficienza. La riprogrammazione consente di lavorare sul software originale per ottimizzare le curve di potenza e di coppia, ottenendo in questo modo una nuova gestione del motore. L’obiettivo è quello di incrementare le prestazioni e di ridurre i consumi. Aumentando la coppia ai bassi regimi, è dunque possibile mantenere una marcia più alta senza premere troppo sull’acceleratore; ciò a favore di un ridotto consumo di carburante ed ad un minore affaticamento del motore. Si tratta però di un’operazione molto delicata, che deve essere affidata ad ingegneri qualificati ed esperti. Infatti, se non dovesse essere eseguita correttamente può causare delle gravi perdite di prestazione, oltre a danni sulle diverse parti del motore.

E’ possibile distinguere due diverse tipologie di rimappatura:

Rimappatura tradizionale

E' stata la prima rimappatura delle auto degli anni 90. In questi veicoli, le centraline elettroniche contenevano i file di mappatura che interessavano la gestione motore in memorie EPROM (Electrically Programmable Read Only Memory) non riscrivibili. In questo caso, la centralina doveva essere necessariamente smontata e aperta.

Rimappatura seriale

Questo tipo di procedura viene effettuata nelle auto con elettronica di nuova generazione che contengono i dati in un microprocessore. L’operatore interviene soltanto sui parametri di gestione motore sovrascrivendo i nuovi dati su quelli di origine, quindi senza aprire fisicamente la centralina.

Centralina aggiuntiva

La centralina aggiuntiva è un apparecchio elettronico che non contiene alcuna mappatura. Questa centralina lavora sul segnale che viene trasmesso dal sensore. L'obiettivo di questo apparecchio è quello di attenuare il segnale trasmesso dal sensore, in maniera tale che si possa obbligare la centralina motore a ripristinare la perdita di equilibrio. Per esempio, nei motori a iniettore pompa può modificare il segnale del tempo di iniezione, oppure nei common rail, il segnale di regolazione della pressione può variare affinché questa venga aumentata. In questo modo, la centralina motore tenderà ad aumentare la sua potenza senza un reale monitoraggio dei parametri che consentirebbero una perfetta gestione del motore.

Rimappatura o centralina aggiuntiva?

La rimappatura della centralina garantisce risultati in termini di potenza e coppia maggiori rispetto ad una centralina aggiuntiva. La rimappatura della centralina, a differenza di un modulo aggiuntivo che non offre la possibilità di lavorare su molti parametri, è in grado di ottimizzare qualsiasi valore, quali ad esempio: pressione turbo, iniezione di base, quantità di gasolio/benzina, limitatore di coppia e di velocità, pressioni rail, rigenerazioni DPF, anticipo di pompa e accensioni, iniezione supplementare per arricchimento pieno carico e/o partenza a freddo/caldo. Dunque in definitiva, la rimappatura della centralina, se eseguita da personale professionista e competente, risulta essere la soluzione più efficace.